Equo compenso: professionisti schiacciati tra inflazione e mancanza di tutele

Professionisti schiacciati tra inflazione e mancanza di tutele

 

Roma, 10/03/2022. Energia e beni alimentari alle stelle, migliaia di professionisti che percepiscono per il loro lavoro 5 euro lordi l’ora. Queste sono due realtà inconciliabili che rischiano di spazzare via una parte fondamentale del sistema produttivo.

Intanto in commissione giustizia al Senato è in discussione il disegno di legge a firma Meloni in materia di equo compenso che rischia di aggravare ulteriormente la situazione.

Per una famiglia tipo la spesa prevista per il 2022 sarà di 3 mila euro, con un incremento del 100%, tutto ciò calcolando SOLO le bollette, se aggiungiamo che la benzina ha segnato un +13,3%, mentre il gasolio è aumentato del +15,2%, senza contare i rincari sugli altri beni, viene da chiedersi chi rimarrà in piedi dopo questa crisi.

“Sono anni che ci battiamo affinchè i professionisti ricevano un equo compenso per il proprio lavoro- dichiara la presidente del CoLAP Emiliana Alessandrucci- adesso però parliamo di una vera e propria emergenza. L’inflazione e il caro bollette mettono ulteriormente in ginocchio un mercato professionale già viziato da uno squilibrio di potere contrattuale tra professionista e cliente, oggi l’equo compenso è più importante che mai”.

Nonostante l’equo compenso in Italia sia già legge, non ha mai trovato la piena attuazione, questa mancanza va a discapito della parte debole della relazione professionale, ovvero il professionista.

Il disegno di legge in materia di equo compenso a firma Meloni mira proprio a riequilibrare il rapporto di forza, purtroppo però il testo presenta molte criticità, in particolare:

  • L’impostazione vessatoria nei confronti del professionista, che invece di essere tutelato rischia sanzioni per non aver rispettato la norma.
  • L’applicazione delle tutele è prevista solo “ex post”, ovvero in un momento successivo alla contrattazione. Se la norma nasce per sanare uno squilibrio di potere contrattuale, non riuscirà certo a farlo con queste modalità, che andranno invece a discapito della parte più debole della relazione professionale.
  • La norma è stata pensata inizialmente solo per gli avvocati, ciò ha comportato la presenza di riferimenti e termini che rischiano di creare confusione e vuoti normativi.

Il Coordinamento ha depositato le proprie proposte di modifica alla commissione, sperando in un intervento rapido e risolutivo che tenga conto della realtà del mercato professionale e delle difficoltà aggravate dalla crisi attuale.

Ultimi articoli

Autonomi evasori? No grazie

Autonomi evasori? No grazie   Secondo gli ultimi dati disponibili, la gestione separata Inps, a cui fanno riferimento autonomi e professionisti, è in attivo di circa 7 miliardi. Stesso discorso non vale per il bilancio generale Inps, …

Iscriviti alla nostra newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostra novità ed eventi

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo COLAP - Coordinamento Libere Associazioni Professionali a trattare i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679