CoLAP Informa, la newsletter del CoLAP Nazionale

Professionisti e politica

  • Continuano i lavori sulla legge di bilancio. Il testo è in discussione in commissione al Senato, con il CoLAP che ha già fatto pervenire le sue proposte di emendamento. Come da consuetudine, la manovra dovrà essere approvata entro la fine di dicembre. 
  • Novembre ha visto anche importanti passi avanti per quanto riguarda il portale del reclutamento InPa. Il ministero della pubblica amministrazione ha fornito le linee guida sul nuovo strumento: i professionisti iscritti saranno avvisati con una notifica al momento dell'apertura di un bando di loro interesse. L'invito è quindi quello di registrarsi al portale (lo trovate qui). In attuazione di quanto previsto dal protocollo firmato dal ministro della Pa Renato Brunetta e dalla presidente del CoLAP Emiliana Alessandrucci, il prossimo 22 dicembre una delegazione del Coordinamento sarà ricevuta in Ministero per l'illustrazione nel dettaglio di tutte le funzionalità di InPa. 
  • Sul fronte equo compenso, invece, lo scorso mese è arrivata una sentenza del Consiglio di stato che legittima i bandi senza una paga per il professionista. Il CoLAP ha fatto sentire la sua voce, chiedendo interventi rapidi sul provvedimento in discussione al Senato. 

Il mese del CoLAP

Mese denso di appuntamenti per il CoLAP

  • Il 12 novembre si è tenuta l'Assemblea nazionale del CoLAP. Nell'occasione è stato rinnovato il consiglio direttivo del coordinamento. All'evento ha preso parte il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, con il quale è in corso ormai da anni una proficua collaborazione. L'incontro ha dato anche l'occasione di presentare una prima parte sintetica della ricerca sui professionisti in Europa realizzata dall'università di Milano e commissionata dal CoLAP. 
  • Il 24 novembre, la presidente Alessandrucci è intervenuta in audizione sul disegno di legge sull'equo compenso. La norma, come già sostenuto a più riprese dal CoLAP, è inadeguata e rischia di creare più danni che benefici ai professionisti. E' necessario intervenire al più presto, vista anche la pronuncia del Consiglio di stato. 
  • Il 30 novembre altra giornata di appuntamenti istituzionali, con la presidente Alessandrucci che ha incontrato la capogruppo del Pd al Senato, Simona Flavia Malpezzi, oltre che la senatrice M5s Maria Grazia D'Angelo. Al centro dei colloqui, in particolare, l'equo compenso e le possibili soluzioni da individuare per migliorare la norma. 
  • Il 2 e 3 dicembre, infine, il nuovo consiglio direttivo del CoLAP si è riunito per una due giorni di lavoro finalizzata a fissare l'Agenda CoLAP 2025, le sfide e gli obiettivi del Coordinamento per i prossimi quattro anni. Un momento di partecipazione e confronto per consolidare ancora di più l'attività di rappresentanza del CoLAP, con un focus dedicato anche a tematiche verticali. Un ringraziamento particolare va a Eleonora Mattia, presidente della commissione lavoro della regione Lazio e amica di vecchia data del CoLAP, che ci è venuta a trovare durante i lavori

Il CoLAP sui media

Anche questo mese non sono mancati gli interventi del CoLAP sui principali media nazionali.

  • In particolare, la presidente Emiliana Alessandrucci ha partecipato a più trasmissioni televisive per parlare dei principali temi dell'attualità economica e politica.
  • La presidente, tra le altre cose, è anche intervenuta su Radio 105 per parlare del nuovo accordo sul lavoro agile raggiunto tra ministero e sindacati. 
Ultimi articoli

CoLAP Informa, la newsletter del CoLAP Nazionale

Professionisti e politica Dicembre, come di consueto, è stato il mese della legge di bilancio. Il testo è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 30 dicembre, come ogni anno. Presenti alcune novità anche per i …

Iscriviti alla nostra newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostra novità ed eventi

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo COLAP - Coordinamento Libere Associazioni Professionali a trattare i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679