Il nuovo Consiglio direttivo fissa l'Agenda CoLAP 2025

Roma, 03/12/2021. Si è chiusa oggi la due giorni di lavoro del nuovo consiglio direttivo del CoLAP, riunito a Roma all’hotel Sheraton Parco de’ Medici. Un’occasione di confronto e di partecipazione finalizzata alla stesura dell’agenda CoLAP 2025, ovvero degli impegni e degli obiettivi del Coordinamento per il prossimo quadriennio. I consiglieri eletti il mese scorso hanno discusso delle principali sfide che attendono il CoLAP, per poi dividersi in gruppi di lavoro finalizzati alla stesura finale dell’Agenda. Un incontro in presenza, dopo tanto tempo, per rilanciare ancor di più l’attività del Coordinamento e lavorare insieme per il bene delle professioni e del paese.

Tanti gli argomenti analizzati negli ultimi due giorni: è stato messo l’accento sulla valorizzazione dell’attestazione di qualità e qualificazione dei servizi professionali e sul suo ruolo qualificante in merito al nuovo portale Reclutamento come strumento di certificazione delle competenze. Si è poi passati alla valutazione sulla situazione dei Consulenti tecnici d’ufficio (Ctu), con la richiesta di partecipazione ai tavoli di stesura dei decreti attuativi di riforma del processo, che cambieranno la vita dei Ctu. Su questo argomento, come sugli altri trattati e rilanciati nella due giorni, il CoLAP è attivo da anni con sondaggi, incontri con la politica, ricerche e proposte di modifica presentate alle istituzioni. Sarà quindi costante il pressing sul governo affinché i decreti attuativi della delega migliorino realmente le condizioni dei professionisti che lavorano con i tribunali.

Tra gli altri temi caldi il supporto delle microimprese; il Coordinamento è infatti attivo nei confronti dei piccolissimi imprenditori e ritiene fondamentale intervenire con misure di sostegno e di supporto alla crescita. E’ stato poi presentato un resoconto del “progetto Europa”, l’iniziativa lanciata dal CoLAP a favore delle associazioni aderenti per portare le stesse ai tavoli delle istituzioni comunitarie. A breve sarà inoltre presentata la ricerca completa sulle professioni in Europa realizzata dall’università di Milano in collaborazione con il CoLAP. Gli altri argomenti trattati riguardano alcuni dei capisaldi dell’iniziativa del CoLAP fin dalla sua nascita, come il fisco, la previdenza o l’atlante delle professioni Inapp.

Durante l’incontro è stato inoltre nominato il nuovo comitato scientifico del Coordinamento: ne faranno parte Maurizio Decastri, professore ordinario all’università di Tor Vergata, Barbara Quacquarelli, professore associato all’università di Milano Bicocca e Nicola Bonaccini, esperto di comunicazione e professore a contratto presso l’università degli studi internazionali di Roma.

“Non ci sono parole per ringraziare tutti i consiglieri della loro partecipazione e della dedizione che hanno messo in questi due giorni di lavoro”, le parole della presidente del CoLAP Emiliana Alessandrucci. “Siamo pronti ad affrontare uniti le molte sfide che ci attendono. Mi porto dietro dall’evento una frase pronunciata durante una presentazione: nessuno deve rimanere indietro, così come nessuno può tirarsi indietro. Questa è la mentalità che ha sempre avuto e che continuerà ad avere il CoLAP”.

Ultimi articoli

CoLAP Informa, la newsletter del CoLAP Nazionale

Professionisti e politica Dicembre, come di consueto, è stato il mese della legge di bilancio. Il testo è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 30 dicembre, come ogni anno. Presenti alcune novità anche per i …

CoLAP Informa, la newsletter del CoLAP Nazionale

Professionisti e politica Continuano i lavori sulla legge di bilancio. Il testo è in discussione in commissione al Senato, con il CoLAP che ha già fatto pervenire le sue proposte di emendamento. Come da consuetudine, la manovra …

Iscriviti alla nostra newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostra novità ed eventi

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo COLAP - Coordinamento Libere Associazioni Professionali a trattare i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679