Essere professionisti ai tempi del Covid è un'odissea

Roma, 23/11/2020. Lavoratori autonomi fuori dai ristori per via di uno sballato e obsoleto sistema alla base dei codici Ateco, che da tempo dovrebbe essere riformato. Professionisti che attendono di essere pagati dai tribunali per i quali operano come Ctu, spesso per compensi non adeguati all’attività svolta, con attese che nel 60% dei casi sono superiori all’anno. Genitori con la partita iva che non riescono ad equilibrare vita e lavoro perché esclusi dai congedi parentali. Insomma, essere un professionista in Italia è diventato un’odissea, ancor di più ai tempi del Covid. Il CoLAP, sulla base di indagini e sondaggi interni realizzati in questi mesi, ha elaborato una serie di proposte che verranno presentate alla politica il prossimo 4 dicembre, durante l’evento “5C per il Rilancio”.

“Abbiamo raccolto i codici Ateco delle categorie escluse dai ristori non perché non abbiano subito gli effetti della crisi, ma per difficoltà burocratiche legate alla struttura dei codici Ateco stessi”, le parole della presidente del CoLAP Emiliana Alessandrucci. “Sono anni che il CoLAP evidenzia alla politica questo problema, anche attraverso la produzione di proposte concrete a costo zero, venendo costantemente ignorato. Ci sono categorie espressamente richiamate nei decreti, ma che non hanno il codice di riferimento perché nell’allegato compare solo quello legato all’attività di impresa, escludendo quindi quella autonoma. E questo è solo uno dei molti esempi delle storture che abbiamo raccolto”.

Un altro degli argomenti che saranno trattati durante l’evento “5C per il Rilancio” sarà quello dei professionisti che lavorano con i tribunali: “secondo un sondaggio interno che abbiamo commissionato, il 75% dei nostri professionisti che operano come Ctu ha riscontrato ritardi nei pagamenti da parte dei tribunali, di cui oltre il 60% maggiori di un anno. Una cosa già inaccettabile di suo, che assume ancora più rilievo in un momento come questo in cui qualsiasi pagamento è vero ossigeno per ogni partita iva”.

Queste ed altre problematiche sono state analizzate negli ultimi mesi da sette gruppi di lavoro predisposti dal CoLAP. Il 4 dicembre, davanti a ministri, esponenti del governo e delle istituzioni e rappresentanti istituzionali, saranno illustrati le proposte elaborate dai gruppi e i numeri dei sondaggi sui quali si è basato il loro lavoro.

Ultimi articoli

Audizione CoLAP in Parlamento sul Pnrr

  Roma, 10/02/2021. Si è tenuta oggi in videoconferenza l'audizione del CoLAP in merito al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza presso la commissione lavoro della Camera dei deputati. Secondo il giudizio del Coordinamento, il Pnnr …

Aggiornamento Coronavirus. Crisi di governo e Recovery fund

La seconda metà di gennaio è stata contraddistinta dalla crisi di governo. Il presidente della repubblica sta svolgendo il giro di consultazioni per capire se si riuscirà a trovare una nuova maggioranza. Da capire se il premier resterà Conte o meno, …

Iscriviti alla nostra newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostra novità ed eventi

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo COLAP - Coordinamento Libere Associazioni Professionali a trattare i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679