Aggiornamento Coronavirus. Recovery fund, decreto Agosto e Semplificazioni

Questa settimana il governo ha presentato il piano italiano per l’utilizzo delle risorse del Recovery fund. Tra le priorità la crescita del Pil, investimenti infrastrutturali e istruzione, formazione, crescita, lavoro e cultura. Nelle linee guida anche l’introduzione di un salario minimo. Entro metà ottobre il governo dovrà inviare il piano alle istituzioni europee.

Qui un articolo di sintesi delle proposte interessate

https://www.ilsole24ore.com/art/recovery-plan-obiettivo-raddoppio-pil-meno-tasse-ceti-medi-e-famiglie-ADrRrjp

Qui l’elenco dei ministri che andranno questa settimana in audizione per presentare le loro linee guida

https://www.camera.it/leg18/1132?shadow_primapagina=11102

 

Intanto, il Senato si appresta ad approvare in prima lettura il decreto Agosto. Questa settimana sono stati presentati gli emendamenti al testo e la prossima si inizierà con le votazioni.

Qui la scheda riepilogativa del decreto

http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Ddliter/53249.htm

Qui l’insieme degli emendamenti presentati

https://www.nomoscsp.com/decreti/decreti-legge/dl-agosto-gli-emendamenti-in-5-senato.html

 

Sempre questa settimana in Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il testo coordinato del decreto Semplificazioni. Qui il testo ufficiale della legge di conversione.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/09/14/20A04921/sg

 

Infine, oggi l’Istat ha pubblicato i dati sull’occupazione nel primi semestre 2020. Sono stati persi più di un milione di posti di lavoro a causa della pandemia, con la decrescita che è continuata anche nel secondo trimestre rispetto al primo già in parte colpito dall’emergenza.

Qui il bollettino ufficiale Istat

https://www.istat.it/it/archivio/247273

 

 

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostra novità ed eventi

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo COLAP - Coordinamento Libere Associazioni Professionali a trattare i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679